Crema solare bimbi Anthyllis, 50 SPF


Carissime Line,
Eccomi di ritorno dalle vacanze con il primo di una lunghissima serie di post sui prodotti per bimbi (ho tantissimi arretrati :P). Partiamo dalla crema solare!



 La scelta del solare è stata per me combattutissima. Si sa noi mamme vogliamo sempre il meglio per i nostri piccoli e, prima di fare qualsiasi scelta, ci pensiamo, ci ripensiamo, ci facciamo venire mille dubbi...beh io sono l'esempio vivente di come anche una scelta, apparentemente semplice e banale, possa diventare un'impresa ardua e difficile :P. Il mio piccolo ha 10 mesi e i danni del sole mi spaventavano moltissimo ma mi spaventano quasi in egual misura le schifezze contenute nella maggior parte dei solari in commercio.  La pelle dei bambini ancora non è "formata", è più sottile, più delicata, più reattiva,  più sensibile. Io sono un'appassionata di autoproduzione, mi piace capire cosa contiene una crema, che funzione hanno i diversi attivi e così via ma su questo argomento ero piuttosto impreparata perciò ho iniziato a documentarmi e a leggere un po'  per tentare di capirci qualcosina in più. L'argomento è piuttosto complicato e, non essendo una chimica,  vi faccio solo un brevissimo sunto e alla fine del post indicherò i siti principali che mi sono stati d'aiuto nella mia ricerca.
Sicuramente ne avrete ampiamente sentito parlare, le creme solari possono contenere filtri fisici e/o filtri chimici. La differenza sta nel modo con cui questi agiscono a contatto con la pelle.
I filtri fisici sono Ossido di zinco  (in inci Zinc Oxide da poco ammesso nella lista dei filtri solari ammessi) e Biossido di Titanio (in inci Titanium Dioxide).
Sono minerali che, ridotti in polveri sottilissime, riflettono i raggi solari impedendone la penetrazione creando così una sorta di "effetto specchio". I filtri fisici colpiti dai raggi solari rilasciano, però, dei radicali liberi che potrebbero essere nocivi per la pelle. Per questo sono rivestiti di sostanze che impediscono la dispersione dei radicali liberi (oli e cere nei solari eco-bio, siliconi e acrilati nei solari non eco-bio) ed è altrettanto importante che un buon solare con filtri fisici contenga una buona dose di antiossidanti.
Per far sì che i filtri fisici non creino l' "effetto fantasma" o la cosiddetta "scia bianca" vengono micronizzati o inseriti in nanoparticelle. L'utilizzo delle nanoparticelle (nell'inci sono facilmente riconoscibili in quanto è obbligatorio riportare a fianco della sostanza in questione la dicitura "nano") è stato messo in dubbio e criticato in quanto, per le loro dimensioni esigue, potrebbero penetrare nel derma ed entrare così nel sistema linfatico, cosa che invece non si verifica con la micronizzazione. Finché il dibattito sulla pericolosità o meno delle nanoparticelle non sarà giunto a una conclusione univoca è preferibile evitarle, in particolar modo nei prodotti per bimbi.
I filtri chimici, invece, assorbono i raggi UVA e UVB innescando reazioni chimiche. Assorbono cioè energia che verrà rilasciata in altre forme. Essendo sostanze chimiche possono provocare reazioni allergiche e, inoltre, alcuni di questi possono provocare effetti estrogenici (è pertanto sconsigliato utilizzarli in gravidanza o su bambini). E' importante scegliere sempre filtri chimici fotostabili (cioè che non si degradano con la foto-esposizione).
L'SPF é il moltiplicatore del tempo di esposizione prima che compaia l'eritema. Esistono quattro diverse classi di protezione: bassa (6 o 10), media (15, 20, 25), alta (30, 50) e molto alta (50+).  Le creme solari per bimbi devono avere sempre un fattore di protezione alto o molto alto e essere dermatologicamente testate.
Per quanto riguarda i bimbi piccolini come il mio è opportuno non esporli nelle ore più calde ed é consigliabile un'esposizione graduale. La migliore protezione solare sarebbe cappellino e maglietta ma personalmente ritengo sia piuttosto difficile tener fermi all'ombra dei nanetti pestiferi o convincerli a non togliersi immediatamente il cappellino non appena glielo si mette addosso! Perciò, pur avendolo portato al mare sempre nelle ore meno calde, ho preferito comunque spalmargli una crema solare.
Tutta questa lunghissima premessa per dirvi che ho deciso di acquistare la crema solare bimbi Anthyllis, 50 SPF.

 
INFORMAZIONI GENERALI SUL PRODOTTO
 
Crema solare con fattore di protezione alto, ideale per la pelle lattea o chiara e per i primi giorni di esposizione al sole, agisce efficacemente proteggendo dai raggi UVA ed UVB. Idrata e protegge efficacemente la pelle contro scottature favorendo, al contempo, un’abbronzatura dorata e uniforme.
Caratteristiche
Contiene esclusivamente filtri naturali minerali a base di Ossido di Zinco e Biossido di Titanio e vegetali a base di Karanja.
Contiene Olio di semi di Karanja, pianta che contiene filtri naturali UVB, estratto di Pongamia, contenente Pongamol, un filtro naturale, e sostanze funzionali emollienti e nutrienti da Agricoltura Biologica: Oli di Girasole, Jojoba, Argan, Lino insieme ad estratti di Calendula e Malva.
 
La linea solari Anthyllis è stato sottoposta ad uno studio di ecocompatibilità sull’ambiente marino.. Il protocollo EcolCare, messo a punto e condotto da Ecoreach srl, Spin-off dell’Università Politecnica delle Marche (www.ecoreach.it), attesta la compatibilità delle creme solari con l’ambiente marino e le creme solari Anthyllis hanno ricevuto la massima valutazione.
 



Questa crema solare non contiene
  • Filtri chimici
  • Conservanti e parabeni
  • Coloranti
Il prodotto è inoltre
  • Testato dermatologicamente
  • Nickel, cromo e cobalt tested (< 1ppm)
  • Sicuro per gli organismi marini (Top eco-friendly A+++)
  • Cruelty free, non testato sugli animali
 

COSA NE PENSO


La crema solare Anthyllis contiene esclusivamente filtri fisici e ha un fattore di protezione alto. Al suo interno sono inseriti diversi olietti idratanti come girasole, argan, jojoba, lino, estratti lenitivi di malva e calendula e estratto di Pongamia, un filtro naturale (non ammesso però nella lista dei filtri solari consentiti perciò evitate assolutamente di comprare creme solari contenenti unicamente questo estratto come filtro solare!!). E' dermatologicamente testata e protegge sia dai raggi UVB che da quelli UVA.
Essendo la prima volta che acquistavo un solare con soli filtri fisici, mi aspettavo una crema piuttosto pastosa e già mi prefiguravo momenti di panico per spalmargliela addosso decentemente.
In realtà questa crema solare ha una consistenza quasi liquida, il che rende molto più semplice l'applicazione.
Si stende infatti con estrema facilità, non occorre massaggiarla per ore, si assorbe nel giro di pochi secondi e soprattutto, dopo averla applicata, non si rimane bianchi come una mozzarella.
Unico neo è che, dopo averla applicata, lascia la pelle leggermente unta, caratteristica che, nel caso di bimbi, non costituisce necessariamente un problema.
Mettere qualsiasi crema a un bimbo di questa età che tenta di rigirarsi, capovolgersi, rotolare, gattonare è un'impresa tutt'altro che semplice. Inizio ad applicargli la crema sulla schiena, il tempo di spremere il tubetto per prelevare nuovo prodotto e..magia....me lo ritrovo già dall'altra parte del letto a pancia in su:P. Capite bene che non riesco a seguire un criterio logico durante l'applicazione ma "dove coglio, coglio", la spalmo un po' dove capita inseguendolo per il letto:).
Perciò il fatto che non si asciughi immediatamente ma lasci la pelle un po' unta mi aiuta a capire dove l'ho applicata e dove, invece, la devo ancora stendere.
Dopo mezz'ora/quaranta minuti si assorbe completamente e l'effetto unto svanisce.  Ne applico sempre una buona quantità (la dose necessaria di solare che occorre spalmare affinché questo esplichi la propria azione è di 2mg per cm2.) insistendo in particolare su viso, spalle, schiena, pancia (insomma..un po' ovunque) e, nonostante sulla confezione ci sia scritto che il prodotto è resistente all'acqua, dopo il bagnetto la riapplico sempre. Ricordate che qualsiasi solare decidiate di applicare dovete sempre lavarlo via dalla pelle a fine giornata e applicare dopo una bella cremina lenitiva.
La profumazione è quella tipica della creme solari ma, seppur delicata e per nulla persistente, avrei preferito che non fosse stata aggiunta. Le profumazioni sono superflue nei prodotti per bimbi e possono provocare reazioni allergiche.


Concludendo, la mia esperienza con questo solare è stata ottima. Non gli ha provocato arrossamenti né bollicine strane e in tutta la vacanza non si è mai bruciato e neppure lievemente arrossato ma ha assunto un bel colorito dorato e sano. Ovviamente ho adottato anche tutti gli accorgimenti del caso: non l'ho mai portato in spiaggia nelle ore più calde, quando il sole picchiava particolarmente ho sempre cercato di tenerlo all'ombra e di obbligarlo a tenere il cappellino e così via.. .
Sicuramente lo acquisterò il prossimo anno!!

SCHEDA TECNICA

Quantità:  100ml.
Costo: Il prezzo varia tra i 17 e i 19 euro
Reperibilità: Diversi rivenditori online, alcune bioprofumerie e erboristerie
Ingredienti (INCI): Aqua, Pongamia Glabra Seed Oil, Dicaprylyl Ether, Zinc Oxide, Caprylic/Capric Triglyceride, Polyglyceryl-3 Polyricinoleate, Olea Europaea Fruit Oil, Titanium Dioxide, Glycerin, Alcohol*, Oryza Sativa Bran Oil, Alumina, Stearic Acid, Pongamol, Helianthus Annuus Seed Oil*, Simmondsia Chinensis Seed Oil*, Argania Spinosa Kernel Oil*, Linum Usitatissimum Seed Oil*, Hydrated Silica, Oryzanol, Magnesium Stearate, Tocopherol, Calendula Officinalis Flower Extract*, Malva Sylvestris Extract*, Bisabolol, Magnesium Sulfate, Polyhydroxystearic Acid, Parfum, Linalool, Limonene.

Spero di esservi stata utile!
Alla prossima!!!!


Facebook♥ 
&
su

Instagram

 
Il  blog de "Il Giardino di Arianna", NoNonSenseCosmethic, il Forum di Lola, Saicosatispalmi sono i principali siti dai quali ho tratto le informazioni per la mia ricerca.


Nessun commento:

Posta un commento

♡ Thanks for your lovely comments ♡